d

DA UN’ISOLA AD UN’ISOLA – PASTELLI, OLII, TEMPERE, ACQUARELLI

PETER BARTLETT

DA UN’ISOLA AD UN’ISOLA – PASTELLI, OLII, TEMPERE, ACQUARELLI

Date
  • 07 - 21 Maggio 2004

Location
Mostra personale
07 - 21 Maggio 2004

Descrizione

Di Peter Bartlett si potrebbe dire del suo viaggio umano e artistico e del suo approdo verso una riconosciuta meta come l’Italia. Ma sarebbe descrivere la vicenda non infrequente di un inglese , di un artista che sceglie la nostra nazione come patria d’elezione. E saremmo nella norma.
In realtà Bartlett, che ha solidi studi e una laurea in materie artistiche conseguita nel suo paese dove ha pure insegnato per quindici anni, sceglie nel 1993, accompagnando i suoi allievi a Cortona, di non ritornare e di appropriarsi di una luce, di un colore e di una grande lezione: quella di Giotto e di Piero della Francesca e di tutto un paesaggio nella natura e nell’anima. Per Bartlett si potrebbe usare una frase celebre di Picasso “io non prendo in prestito, rubo” tanto è stata, ed è, forte l’esperienza tutta maturata a contatto fisico di affreschi e pietre, di tepori e di silenzi.
“La pittura è solitaria”, dice l’individualista Bartlett che si è nutrito di studi di filosofia orientale con un Maestro indiano. I suoi segni, i suoi luminosi e colorati graffiti sono eco di una storia, di un equilibrio difficile tra forma originaria e cromaticità sempre più essenziale negli esiti, dopo l’esperienza dei primi anni di figurazione dove privilegiato era il paesaggio e la sua descrizione, quasi per capire fino in fondo i luoghi e ciò che vi era dentro.
La straordinaria ed efficace capacità di rendere un “fiore semplice” un vettore di spiritualità è conquista di una maturità artistica e di un’interiorità non emozionale, molto laica, eppure così vicina al messaggio profondo ed essenziale di Francesco e Chiara d’Assisi, incarnati in quel medioevo austero del quale la Cortona di Peter è parte così importante.
Per Peter Bartlett il quadro -un olio su tavola, un pastello, un acquarello o una tempera su quella carta che tanta intimità gli sollecita- è uno spazio, di più, un universo completo. Proprio partendo da pochi elementi espressi, come la visionaria veduta dei celeberrimi suoi “limoni della mancanza”, in una insoddisfazione di fondo che è l’intelligenza di una ricerca inesausta, perenne, che si staglia impetuosa sulle superfici da dipingere. […]

Tommaso Romano

Informazioni

CATALOGO: Elledizioni, collana “Tasselli” 2, pp. 24, illustrazioni 19

PRESENTAZIONE: Tommaso Romano

RECENSIONI: “Giornale di Sicilia” Guida Città 7 maggio 2004; “La Repubblica” Giorno e Notte 7 maggio 2004; Aldo Gerbino “Giornale di Sicilia” 14 maggio 2004; Salvo Ferlito www.pittorica.it maggio 2004; Tommaso Romano www.tommasoromano.it maggio 2004; Renato Civello “Secolo d’Italia” 16 maggio 2004.

Lun - Sab, dalle 16.30 alle 19.30
chiuso domenica.

L'ingresso è libero.
Per informazioni
+39 339 686 7902
+39 091 611 4182

GALLERIA ELLE ARTE
via Ricasoli, 45
90139 Palermo
Italy