d

BRUNO CARUSO ~ DISEGNI 1944-2004

BRUNO CARUSO ~ DISEGNI 1944-2004

Date
  • 23 Aprile - 23 Maggio 2004

Location
Mostra personale
23 Aprile - 23 Maggio 2004

Descrizione

Nessuno meglio di me sa come sono andate le cose. Ho cominciato a disegnare molto presto. Avevo cinque anni quando, nel 1932, realizzai il primo album di disegni all’asilo del “Santa Lucia” in via Ruggero Settimo a Palermo. Di questi disegnini non ricordo gran che, se non il capannello di suore vestite di bianco e di azzurro che, come in un quadro dell’Angelico, si raccoglieva intorno a me per vedermi disegnare. Ne sento ancora l’odore di bucato. Dalla mia mamma ho saputo che le suore mi consideravano un piccolo fenomeno perchè disegnavo con molta precisione e velocità; e poichè conservo ancora quell’albumetto, debbo dire che non avevano poi tanto torto: infatti dai disegni si capisce che avevo una pazienza e una capacità di applicazione davvero notevoli; (recentemente un maniaco ha rubato dall’album cinque disegni: un cavallo, un coniglio in corsa e tre vasi, opere di nessun valore, ma per me assai care). All’asilo dovevamo eseguire, oltre ai disegni, intrecci di carte colorate molto complessi e facevamo anche esercitazioni di trapunto ed uncinetto. E cantavamo in coro: devo forse a questi esercizi il buon orecchio musicale che mi ritrovo e l’abitudine di canticchiare mentre disegno (ma lo faccio esclusivamente da solo: perchè in presenza di terzi non riesco a cantare). Poichè disegnavo a memoria ho dovuto fin da allora esercitarmi a rifare a mente quasi tutto il repertorio dei miei soggetti, che oggi è diventato immenso, poichè vi sono compresi luoghi e fisionomie di persone (di maestri, di parenti, di mobili e di oggetti), oltre che quadri, paeaggi, monumenti di quel tempo indimenticabile: per esempio, tutti i volti arcigni dei professori fino al 1940, gli amici di famiglia, gli animali, gli insetti della campagna, le piante dei giardini, ecc. […]In tutto questo vai e vieni ho sempre trovato la forza di concentrarmi assai fortemente sui disegni, mettendo a dura prova l’impazienza giovanile con l’applicazione e la precisione; cercando nello stesso tempo di salvare sempre la disinvoltura e la scioltezza del segno: operazioni non facili perchè in contrasto fra loro, ma tuttavia cercando di “metterci l’anima” sia nei tratti dei volti che negli sguardi, nella sinuosità dei corpi, ma anche nel tremolio delle piante mosse dal vento o nei brividi che traspaiono nelle espressioni degli uomini e delle donne; cercando di cogliere la dolcezza degli umili e l’arroganza dei potenti. Ho disegnato (politicamente) molti libri di denuncia sulle malformazioni del nostro pianeta e le contraddizioni del mondo, anche se quei disegni rappresentavano spesso una forzatura e non si curavano granchè dell’estetica; tanto che talvolta mi è venuta voglia persino di abiurarli; se poi non ne condividessi fortemente ancor oggi il contenuto e la loro visione del mondo e delle cose. […]

Bruno Caruso

Informazioni

CATALOGO: Edizioni Fondazione Federico II, pp. 130, illustrazioni 126

PRESENTAZIONE: Bruno Caruso

PROMOSSA DA: Assemblea Regionale Siciliana, Fondazione Federico II

RECENSIONI: Bruno Caruso “Giornale di Sicilia” 18 aprile 2004; Piero Longo “La Repubblica” 23 aprile 2004; Giuseppe Quatriglio “Giornale di Sicilia” 24 aprile 2004.

Lun - Sab, dalle 16.30 alle 19.30
chiuso domenica.

L'ingresso è libero.
Per informazioni
+39 339 686 7902
+39 091 611 4182

GALLERIA ELLE ARTE
via Ricasoli, 45
90139 Palermo
Italy