d

VINCENZO PIAZZA ~ DISEGNI PER SOGNATORI STANCHI

VINCENZO PIAZZA ~ DISEGNI PER SOGNATORI STANCHI

Date
  • 13 - 28 Aprile 2012

Location
Mostra personale
13 - 28 Aprile 2012

Descrizione

Quella notte un vento inconsueto spalancò con forza la finestra: volarono le tende e una quantità di fogli cominciarono a roteare per la stanza, così il sognatore si svegliò, trovando una fumante tazza di caffè presso il proprio letto … si accorse di essere perfettamente vestito, aveva indosso l’impermeabile e l’ombrello sul braccio…
Dal letto si avvicinò al tavolo, su cui passava delle ore a scrivere i suoi romanzi (mai pubblicati), vi regnava il più assoluto disordine, ma egli salì senza sforzo perché vide che dal tavolo una scala a pioli conduceva ad un lucernaio aperto sul cielo: non ricordava di averlo mai notato…
Giunto sul tetto si bloccò estasiato: il panorama era incredibile, dal cielo stellato piovevano sfere luminose di una materia strana … erano lucenti bulbi oculari, mille occhi che solcavano il cielo di velluto come piccole meteore. Poi, spinto da una forza misteriosa, cominciò a camminare sulle nuvole salendo verso il blu della notte…
Stentò a riconoscere i panorami che si dispiegavano ai suoi piedi: era proprio la sua città quel luccichio di piccole tremanti fiammelle che si riflettevano sul mare? E il mare era davvero il suo, quello che amava più di qualunque altra cosa, con le sue bianche onde spumeggianti?
Nulla quella notte era come avrebbe dovuto essere…
Il faro, notturno occhio lampeggiante, che ben conosceva, illuminava ad intermittenza barchette a vela; esse erano come impegnate in una magica regata: ma pian piano ognuna di loro lasciava la superfice del mare per prendere il volo, mentre le vele risplendevano di luce.
Si sentì stanco ed ecco giungere il chiarore aurorale.
Adesso camminava sulla terra: i suoi erano passi da gigante perché gli consentivano di spostarsi molto rapidamente. Ad un tratto si trovò a camminare proprio su di un arcobaleno … aprì l’ombrello per mantenersi meglio in equilibrio ma, giunto nel punto più alto il vento lo rivoltò e l’ombrello gli sfuggì dalle mani. Tuttavia una grande lumaca, posatasi sul manico, impedì all’ombrello di cader giù e il sognatore lo riprese.
La lumaca allora si rintanò nel proprio guscio rimanendo sospesa nell’aria, sembrava grandissima, ed egli notò che in cima al guscio c’era una casetta, proprio una piccola casetta con un camino da cui veniva fuori del fumo … ne fu attratto e vi si incamminò, ma non vi giunse mai.
Camminava invece in una tranquilla campagna con prati e alberi: in alcune parti era ancora notte, ma sollevando un lembo che notò in un angolo riuscì a far giungere la luce del giorno.
Dopo un po’ vide un bellissimo prato fiorito, si abbassò per prendere un fiore ma il suo gesto provocò un incredibile fenomeno: l’intero prato si sollevò in aria come un immenso lenzuolo e notò che sotto vi si nascondevano due occhi, proprio gli stessi che aveva visto piovere nel cielo notturno!
Il prato volando via lasciò un terreno arido tormentato e scuro, il sognatore capì di essere sul pendio di un vulcano! Voltandosi vide infatti un rivolo di lava incandescente incunearsi in una cavità del suolo…
Avrebbe voluto seguirne il percorso, ma il cielo si oscurò d’improvviso solcato da paurosi fulmini e il sognatore si sentì sollevare rapidamente in alto, sempre più in alto, e vide la lumaca con la sua casa, altre case su ali di uccello, la stessa sua casa librarsi nell’aria … fu allora che udì il suono familiare della
sveglia!

Maria Antonietta Spadaro

Comunicato Stampa

La Galleria Elle Arte di via Ricasoli, 45 comunica che:
venerdi 13 marzo 2012 alle ore 18.00 sarà inaugurata la personale di
VINCENZO PIAZZA
DISEGNI PER SOGNATORI STANCHI
Disegni, tecniche miste e acqueforti 1994-2012

La mostra raccoglie quaranta opere tra disegni a matita , tecniche miste ed acqueforti, realizzate tra il 1994 e il 2012.
Il filo conduttore della personale di Vincenzo Piazza, nato a Catania, ma palermitano di adozione, si snoda lungo un percorso a cavallo tra il reale e l’onirico, offrendo all’autore innumerevoli spunti per sviscerare in piena libertà creativa tutte le infinite sfumature delle arti grafiche.
“Disegni per sognatori stanchi” propone un viaggio fantastico, capace di coinvolgere e trasportare l’osservatore in una dimensione d’incanto, tr suggestivi e magici interni, o nel solco dell’imprevedibile bellezza della natura, studiata nei suoi più piccoli dettagli, ma al tempo stesso evocata dalla fervida potenza creatrice che promana dalla fantasia dell’autore.
La mostra, corredata da un’elegante volume (Edizioni dell’Angelo), ha ispirato un racconto di Maria Antonietta Spadaro.
I disegni a matita, le delicate tecniche miste e le incisioni ad acquaforte rivelano la cifra inconfondibile e peculiare che caratterizza la produzione di un autore che ha fatto del “segno” il canone espressivo del proprio linguaggio artistico.
Della sua opera hanno scritto, tra gli altri : Aldo Gerbino, Laura Oddo, Giuseppe Quatriglio, Alberto Randisi, Eduardo Rebulla, Maria Antoniretta Spadaro, Emilia Valenza,

Catalogo in galleria (Edizioni dell’Angelo )
Interverrà Maria Antonietta Spadaro.
Sarà presente l’ autore.

La mostra si protrarrà fino al 28 APRILE 2012
Ingresso libero. Orari– 16.30/19.30. Chiuso domenica e festivi.

Informazioni

CATALOGO: “Edizioni dell’Angelo”, pp. 72, illustrazioni 60.

TESTO: Maria Antonietta Spadaro.

Lun - Sab, dalle 16.30 alle 19.30
chiuso domenica.

L'ingresso è libero.
Per informazioni
+39 339 686 7902
+39 091 611 4182

GALLERIA ELLE ARTE
via Ricasoli, 45
90139 Palermo
Italy