d

D’UN SILENO, DI VOLTI ANATOLICI

D’UN SILENO, DI VOLTI ANATOLICI

Date
  • 13 Gennaio - 03 Febbraio 2018

Location
Mostra personale
13 Gennaio - 03 Febbraio 2018

Comunicato Stampa

La Galleria Elle Arte di via Ricasoli, 45 comunica che sabato 13 gennaio 2018 alle ore 18,00 sarà inaugurata la personale di scultura di GIUSEPPE CUCCIO D’un Sileno, di volti anatolici Terracotte , bronzi a cura di Aldo Gerbino In esposizione venti sculture in bronzo e terracotta di recente realizzazione che raccontano il composito universo artistico di Giuseppe Cuccio, attingendo le tematiche ora dal mito, ora dalla storia. Scrive Aldo Gerbino nel testo di presentazione : […] Terracotta e legno, marmo e bronzo ci dicono dunque dell’uso insistito della mano, del plasmare calchi e il corpo crudo dell’argilla. Su tali note di materia non può che affiorare il registro espressivo di Giuseppe Cuccio, giocato sulla fabrilità, sulle tattili pieghe, più o meno ardue, delle materie.[…] E qui, nell’intensa e contenuta antologia scultorea di Cuccio, assistono, con noi contemporanei, volti anatolici pronti a riappropriarsi della pietà, della commozione, mentre canti e inni serpeggianti tra pietre, terrecotte, bronzi (come il volto assorto e immalinconito dal tempo nell’efficace Testa femminile, bronzo, 2010) e frammenti marmorei disperdono il silenzio che pertiene alla scultura: stoffa accolta nel racconto del mondo, nel viaggio archetipico cui ogni generazione sembra essere spinta a ripetere tra visione e ri-creazione, tra radici e memoria. […] Con Pegaso, ninfe, arcaici torsi in travertino e pupille percorse dalle salsedini dell’Asia minore in cui gettò il suo sguardo ampio Europa figlia di Agenore, Giuseppe dice, infine, della persistenza del seme, della nostalgia alimentata dalla presenza dei padri. Giuseppe Cuccio è nato a Palermo nel 1964. Vive ed opera tra Palermo e Milano. All’inaugurazione sarà presente l’artista. La mostra si protrarrà fino al 3 febbraio 2018. Ingresso libero. Orari 16.30/19.30. Chiuso domenica. info: tel.091-6114182; e-mail: ellearte@libero.it; website : www.ellearte.it

Informazioni

Religio della forma
A Giuseppe Cuccio

La fìttile bellezza e la severa
serenità del bronzo che ritorna
a incidere i tuoi volti come cera
perduta e ritrovata nel suo peplo
che nasconde il dolore e la gioia
nel dorico rigore dell’attesa
la tua mano ha segnato e alla memoria
che persiste agli orrori della storia
oggi rivela la profonda grazia
raccolta in geometrie dove s’ accoglie
l’armonia percepita e sognata
nel fragile mistero del silenzio.

Piero Longo
Dicembre 2017

D’un sileno, di volti anatolici
di Aldo Gerbino

Entra nel petto mio, e spira tue
sì come quando Marsïa traesti
de la vagina de le membra sue.
[Dante, Par., I, 19-21]

Segni di sensibilità e bontà sono riscontrati da Federigo Tozzi nel momento in cui, narrando per versi la figura di Stephane Mallarmé, rivela insospettatamente una contiguità sentimentale con Marsia. E del Sileno si accenna a quell’innata sua mitezza covata nel tepido tessuto arboreo dei boschi, spandendo a dismisura l’armonica anima dell’auleta, più che la sua supposta tracotanza. Essa ci dice, anche, della continuità nell’oggi, della spietatezza rilasciata dalla gabbia competitiva, non dimenticando però la forza del suono, il riversarsi dell’onda musicale sgorgata dalla parola e di quanto si agiti, nello spazio tra paesaggio terrestre e celeste, all’interno della nostra psiche. Terracotta e legno, marmo e bronzo ci dicono dunque dell’uso insistito della mano, del plasmare calchi e il corpo crudo dell’argilla. Su tali note di materia non può che affiorare il registro espressivo di Giuseppe Cuccio, giocato sulla fabrilità, sulle tattili pieghe, più o meno ardue, delle materie. Lucini, nel saggio introduttivo ai Poeti simbolisti e liberty (Scheiwiller, 1967), – e Tozzi vi appare con due brevi e commossi testi (“A Edgardo Allan Poe” e “A Stefano Mallarmé”), – accenna a quel Deus, sive Natura spinoziano, mentre, più avanti, lo scrittore senese (autore, in poesia, della Zampogna verde) ci investe con la straziata figura di Marsia: l’elaboratore degli inni sacri agli Dei. Egli, lo scorticato figlio di Eagro, qui da Giuseppe esteso in Apollo e Marsia (terracotta e legno, 2014), sileno pietosamente trasformato, mentre canta i suoi versi accompagnati dalle melodiose note irradiate dall’aulòs (lo strumento creato da Atena) in anatolico letto fluviale dallo stesso Apollo nell’impari tenzone musicale. Ed ecco, similmente all’auleta, Mallarmé è sì «buono come Marsia». La ‘pietas’ si stende su di lui come bianchi lenzuoli; pietas posta a lenimento d’ogni possibile hýbris. Poteva, d’altronde, non essere compianta la sua sorte da Satiri, Fauni, creature silvane, Ninfe e pastori, nel momento in cui un pentito Apollo, dopo averlo spellato e poi mutato in fiume, pose persino la sua stessa cetra nell’antro di Bacco?
E qui, nell’intensa e contenuta antologia scultorea di Cuccio, assistono, con noi contemporanei, volti anatolici pronti a riappropriarsi della pietà, della commozione, mentre canti e inni serpeggianti tra pietre, terrecotte, bronzi (come il volto assorto e immalinconito dal tempo nell’efficace Testa femminile; bronzo, 2010) e frammenti marmorei disperdono il silenzio che pertiene alla scultura: stoffa accolta nel racconto del mondo, nel viaggio archetipico cui ogni generazione sembra essere spinta a ripetere tra visione e ri-creazione, tra radici e memoria. Tutto ciò vuol significare: ora l’ansia sprigionata nella linea ricurva di Narciso (terracotta, 2014), ora la molle levità dei volumi sincretici in Teti (terracotta, 2015). Non si arresta il racconto nella midolla del tempo, né s’inceppa sul proprio filo raggomitolato: in tal modo i bassorilievi in cui appaiono centauri, – mostri téssali colmi di meraviglie generati dal commercio d’Issione con Nuvola – si identificano con Nésso, ucciso da Ercole nel vano tentativo di rapire Dejanira, o con Chirone, celebre figlio di Saturno e Fillira, maestro di Esculapio e sommo nella medicina, nella chirurgia e nell’astronomia, compilatore del Calendario per gli Argonauti, insegnante di Achille per la musica e di Ercole per la medicina. Con Pegaso, ninfe, arcaici torsi in travertino e pupille percorse dalle salsedini dell’Asia minore in cui gettò il suo sguardo ampio Europa figlia di Agenore, Giuseppe dice, infine, della persistenza del seme, della nostalgia alimentata dalla presenza dei padri.

Palermo, dicembre 2017

Su appuntamento
Lun - Sab, dalle 16.30 alle 19.30
Domenica chiuso.

L'ingresso è libero.
Per informazioni
+39 339 686 7902
+39 091 611 4182

GALLERIA ELLE ARTE
Via Ricasoli, 45
90139 Palermo
Italy