d

BRUNO CARUSO ~ IL GATTOPARDO E I RACCONTI DI G. TOMASI DI LAMPEDUSA

BRUNO CARUSO ~ IL GATTOPARDO E I RACCONTI DI G. TOMASI DI LAMPEDUSA

Date
  • 06 Marzo - 08 Aprile 2001

Location
Mostra personale
06 Marzo - 08 Aprile 2001

Descrizione

Nessuno meglio di me sa con quanto trasporto e con quale piacere ho eseguito queste illustrazioni per il “Gattopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa; e con quale allegria riesco a disegnare gli argomenti dei libri che mi sono congeniali; e pochi libri come questo mi sono sembrati tanto adatti ad essere illustrati. Ho conosciuto Lampedusa nel 1947, più di cinquant’anni fa, molto prima cioè che scrivesse il suo capolavoro; tante volte gli ho parlato, anche di letteratura, senza tuttavia rendermi conto interamente della sua genialità. Mi faceva molta simpatia e basta; ed ora, con questi miei disegni, mi sembra, alla fine, di saldare anche un debito di stima. Ma in questi anni malinconici della vecchiaia, rileggiando il romanzo, sono riuscito a rallegrarmi, rivivendo la mia giovinezza, riscoprendo la Sicilia e rivisitando le storie narrate che appartengono a quella tradizione orale dalla quale uno della mia generazione ha appreso quel che sa: della storia, degli usi, del comportamento, dell’educazione.[…] Questi disegni, invece, hanno lievitato nella mia mente per quasi quarant’anni: dalla lettura del romanzo in cui, inevitabilmente, me li ero immaginati. Hanno coabitato con altre miriadi d’immagini scaturite da altre letture, con altre emozioni che si sono intrecciate nella testa a storie di altri libri ed esperienze di vita, di persone realmente incontrate, di quadri visti, di musiche, di odori, di sapori, felicità, spaventi, orrori. E così come le parole del libro sono diventate sul foglio figure, il racconto si è trasformato miracolosamente in una sequela di immagini, come in un film. Me ne rendo conto solo ora che sto per ultimare il mio lavoro, mentre si colmano i vuoti. Questi personaggi hanno abitato dunque nella mia mente e sono usciti naturalmente dalla punta della matita, come i personaggi pirandelliani escono in scena, per stabilirsi tra le pagine di questo libro, non scritto ma disegnato. […] E la luce è quella della Sicilia, abbacinante e inconfutabile. La Sicilia d’altronde l’ho disegnata nei suoi innumerevoli aspetti, cominciando da quello classico che appartiene all’impronta araba che le è rimasta, rivissuta nelle poesie di Ibn Hambis, nel Viaggio di Ibn Gubayr o nel Sogno arabo siculo. […]

Bruno Caruso

Informazioni

CATALOGO: Coedizione Rubbettino e Fondazione Federico II, pp. 120, immagini 90

PRESENTAZIONE: Bruno Caruso, Gioacchino Lanza Tomasi

PROMOSSA DA: Assemblea Regionale Siciliana, Assessorato Regionale dei Beni Culturali, Fondazione Federico II

RECENSIONI: Giuseppe Quatriglio “Giornale di Sicilia” 22 febbraio 2001; Laura Nobile “La Repubblica” 22, 25 febbraio 2001; Laura Oddo “La Sicilia” 24 febbraio 2001; Simonetta Trovato “Giornale di Sicilia” 24 febbraio 2001; Gabriella Ciancimino “La Sicilia” 25 febbraio 2001; “Corriere della Sera” Calendario 25 febbraio 2001; “La Stampa” Calendario 25 febbraio 2001; Costanzo Costantini “Il Messaggero” 26 febbraio 2001; Stefano Malatesta “La Repubblica” 1 marzo 2001; Matteo Collura “Corriere della Sera” 3 marzo 2001; Giuseppe Quatriglio “Giornale di Sicilia” 4 marzo 2001; Salvo Ferlito “L’Ora” 5 marzo 2001; Lea Mattarella TT.L Tutto libri “La Stampa” 24 marzo 2001; Giuseppe Quatriglio “America Oggi” 8 aprile 2001; Vincenzo Prestigiacomo “La Sicilia” 22 febbraio 2001; Piero Longo “La Repubblica” 1 marzo 2001; “Il Sole 24 ore” 4 marzo 2001; Bruno Caruso, Pino Schifano “Sicilia Tempo” marzo-aprile 2001; Bruno Caruso “Euromediterraneo” marzo 2001.

Lun - Sab, dalle 16.30 alle 19.30
chiuso domenica.

L'ingresso è libero.
Per informazioni
+39 339 686 7902
+39 091 611 4182

GALLERIA ELLE ARTE
via Ricasoli, 45
90139 Palermo
Italy