d

ROSSANA FEUDO ~ LA DIMENSIONE INCANTEVOLE – TEMPERE SU TAVOLA 1994-2004

ROSSANA FEUDO ~ LA DIMENSIONE INCANTEVOLE – TEMPERE SU TAVOLA 1994-2004

Date
  • 14 Marzo - 20 Aprile 2004

Location
Mostra personale
14 Marzo - 20 Aprile 2004

Descrizione

Il tempo prediletto di Rossana Feudo sembra essere quello dell’adolescenza. Le sue immagini, infatti, sono espressione di un mondo come magicamente sospeso i cui protagonisti sono personaggi da favola e le cose sono immaginarie. Tutta la sua arte è pensata con la logica “non logica” di Alice nel Paese delle Meraviglie dove quello che si vede sbalordisce e quello che accade non è possibile.
In realtà questa dimensione incantevole è il frutto della maturità e della pacata riflessione e ha senso soltanto attraverso il medium della pittura a tempera e della sua peculiare attitudine a riuscire tersa e pulita, restituendo a chi guarda quella certezza di infallibilità che tale tecnica quasi naturalmemte trascina con sè. È evidente che questa maniera di pensare la pittura deriva anche dalle esperienze della restauratrice e da una sua mentalità allo stesso tempo incantata e disincantata, per cui l’artista è esempio e modello di scrupolo e precisione ma è anche distratta e divagante come se si aggirasse in un universo di segni e simboli, prima accuratamente preparati e poi trattati con disinvolta noncuranza. Qui l’aspetto tecnico incide molto. Si sa infatti che la pittrice prepara le sue tavole, le rasa, le sistema secondo criteri indubbiamente antichi e vi lavora con l’impegno e l’attenzione del dipingere d’altri tempi.
Ma, come certi maestri del passato, ha un sovrano “disprezzo” del soggetto, dell’argomento. Non che abbia una specie di disinteresse per quel che effettivamente rappresenta. Anzi è piena di acume come ritrattista, sottilissima e perfetta come pittrice di Natura Morta, elegante e sensibile nella messa in scena dei suoi personaggi e delle sue scene.
C’è, però, una idea di “understatement” in tutte le sue realizzazioni che non può essere definita ironia ma è comunque distacco dal coinvolgimento con un impatto brusco con la realtà.
Il lavoro della Feudo è, insomma, volto in direzione naturalistica ma non è realismo.
Rappresenta in maniera attendibile ma non intende essere verosimile, come in un gioco di specchi in cui l’immagine appare e scompare mostrando diverse facce e diversi sentimenti.
L’attività di illustratrice e restauratrice ha lasciato segni notevoli sulla sua evoluzione ma la pittrice è un’altra cosa e non si può parlare di aspetti illustrativi per la sua opera e nemmeno di ostentazione di “ritorno al mestiere” che sarebbe solo un modo falsato di percepirne il lavoro.
Quel sottile velo di inquietudine che è sempre sotteso ai mondi incantati è ben evidente anche nel lavoro della Feudo dove si può vedere grandissiomo orgoglio di sè, attenzione e discrezione estreme, ma poi autentica energia di formulazione che rende tutt’altro che eteree e impalpabili le sue persone, sognanti e attonite ma ben fondate nella loro struttura figurativa.
Si può sostenere che il lavoro di questa artista procuri un grandissimo diletto perchè compiace l’amatore delle Belle Arti desideroso di vedere nell’opera la pienezza di sè.[…]

Claudio Strinati

Informazioni

CATALOGO: Elledizioni, collana “Lunaria” 1, pp. 118, illustrazioni 90

PRESENTAZIONE: Claudio Strinati

RECENSIONI: “Giornale di Sicilia” Guida Città 14 marzo 2004; Piero Longo “La Repubblica” 14 marzo 2004; Renato Civello “Secolo d’Italia” 14 marzo 2004; Mostre “Vivi Palermo” 12 marzo 2004; Giuseppe Quatriglio “Giornale di Sicilia” 16 marzo 2004; Francesca Zagra “Vivi Palermo” 26 marzo 2004; Salvo Ferlito www.pittorica.it marzo 2004; Sveva Alagna “Spazio Libero” dicembre 2003 – gennaio 2004; Sveva Alagna “Trova Palermo” 26 marzo 2004; Giuseppe Quatriglio www.pittorica.it marzo 2004.

Lun - Sab, dalle 16.30 alle 19.30
chiuso domenica.

L'ingresso è libero.
Per informazioni
+39 339 686 7902
+39 091 611 4182

GALLERIA ELLE ARTE
via Ricasoli, 45
90139 Palermo
Italy